\\ Home Page : Articolo : Stampa
CLANDESTINODAY
Di Dulce (del 21/09/2010 @ 12:57:19, in Eventi, linkato 1542 volte)



Il Clandestino Day è la giornata nazionale promossa dalla rivista Carta,
quest’anno nella giornata del 24 settembre in tutta Italia, un giorno nel quale ognuno di noi si dichiara clandestino, come risposta al progressivo peggioramento delle condizioni di vita dei migranti nel nostro paese.

Dopo il successo che nel 2009 ha visto attivarsi 500 organizzazioni in 60 città, la giornata del “Clandestino Day” si rinnova con la forza e la volontà del confronto per una futura convivenza multietnica, ma soprattutto per rendere evidente l’attuale condizione disumana di sfruttamento, violenza, emarginazione e mancanza di diritti umani in cui vivono molti migranti partiti da lontano in cerca di una vita migliore.

I promotori della rivista Carta hanno pensato di suggerire un tema e un luogo sui quali concentrare l’immaginazione del Clandestino Day: la formazione e la scuola. Migliaia di insegnanti, dalle materne alle superiori, fanno ogni giorno un lavoro prezioso per far crescere e vivere insieme i figli degli italiani e degli immigrati, lavoro sempre più minacciato dalle campagne mediatiche e dai tagli alla scuola. Per questo oggi è fondamentale difendere e credere nella scuola come luogo primario dove costruire un altro modo di vivere insieme.

Cene, proiezioni, concerti, partite di pallone, lezioni all’aperto, manifestazioni
, presidi, presentazioni di libri, azioni, mostre fotografiche, assemblee, feste, spettacoli teatrali, tante espressioni diverse per un unico linguaggio di integrazione con l’obbiettivo di una convivenza e rispetto umano, sperimentano conoscenza e confronto.

Siamo un popolo di distratti, distratti per convenienza o per tacita omertà
che nasconde le vergogne nostrane, quelle che tutti sanno ma fanno finta di non conoscere. Rosarno è stato solo un drammatico allarme, la punta incandescente del fenomeno “clandestinità”, sinonimo di persona senza documenti, troppo dolce per la tragica vicenda della vita e della morte sul lavoro. Un bollettino di guerra che raggiunge situazioni spaventose e nasconde non solo distrazioni o mancanza di attenzione alle norme di sicurezza, ma un sistema dilagante nel mondo del lavoro “nero” sprovvisto di moralità, che acquista al prezzo di 2 o 3 euro l’ora la vita dei nuovi schiavi, quando paga, senza il minimo rispetto per la dignità umana.

Esiste un mondo sommerso, inizia dalla malavita organizzata che trasporta su gomma galee di schiavi al lavoro nero sui ponteggi dei cantieri, nei campi, nei mercati, o semplicemente badanti nelle case dei privati. La stessa malavita che fornisce cocaina come “integratore” per sfruttare al massimo i cottimisti, braccianti agricoli ai lavori forzati, pagati poco o nulla da imprenditori convinti di creare posti di lavoro, ma che in realtà guardano solo al profitto e il fine giustifica i mezzi, sino a quando qualcuno muore dalla fatica.

Eppure accade tutto ora, in Italia, nel Bel paese, dal ricco nord-est alla Sicilia
, due secoli di storia cancellati di colpo con la spugna del profitto, e sono ritornate a solcare i mari le galee degli schiavi. Una vergogna umana che credevamo estinta come la peste.

A testimoniare la drammatica vicenda di centinaia vite umane è il rapporto
redatto e pubblicato da Medici Senza Frontiere, dal titolo “Una stagione all’inferno”. Scaricabile da internet.
Nell’introduzione si legge: - Gli immigrati stagionali vivono in case abbandonate, in fabbriche in disuso, talvolta per strada. Pur di sopravvivere offrono le proprie braccia per meno di 25 euro al giorno e per molti l'obiettivo di inviare risparmi alle loro famiglie nei paesi di origine fallisce miseramente.

Sebbene arrivino in Italia in buone condizioni di salute
, i lavoratori stranieri si ammalano per le durissime condizioni lavorative. Si ammalano perché quando rientrano dai campi non hanno acqua potabile da bere, né luoghi asciutti e salubri in cui stare. Queste malattie, per lo più curabili con una semplice terapia antibiotica si cronicizzano perché non si ha un medico a cui rivolgersi, né soldi sufficienti per acquistare medicine. Queste sono le persone che sostengono l'agricoltura nel Sud Italia. Queste sono le persone sfruttate da un sistema che produce profitti grondanti disperazione e malattia.
Una stagione all'inferno è quella che abbiamo testimoniato viaggiando da una regione all'altra del Sud. Una stagione all'inferno è quella che vivono ogni anno gli stranieri stagionali. E a tutte queste persone è dedicato questo rapporto. E a loro prestiamo la nostra voce


Nessuno di noi oggi può redimersi dal prendere atto

di una situazione umana insostenibile e vergognosa per un paese civile.

fonte:http://www.popolis.it