Piasco.net - Il Blog! ...by Cagio
Piasco.net Home Meteo Arte e Cultura Storia Pro Loco
\\ Home Page : Articolo
dic12ven
latte vivo latte morto
Di cagio (del 12/12/2008 @ 15:45:38, in Agricoltura, linkato 2446 volte)
E' di questi giorni la notizia che il crudo sia pericoloso per la salute umana almeno quanto il fumo e l'alcol; le televisioni, le radio, il web ed i giornali ne parlano a gran voce ed all'unisono, come sempre.
Ecco, adesso tra un po' esco, con 50 centesimi in tasca ed il boccale da mezzo litro in mano, vado all'Alapacis, accarezzo la vacca con le corna bianche (che è una rarità) e mi sparo mezzo litro di latte crudo alla volè. Se qualcuno vuole venire a cantare la bicera per farmi da accompagnamento è benvenuto : - )
Perché sarei disposto a correre questo rischio enorme, rischiando chissà quale infezione per non aver fatto bollire il latte?
Perché oltre ad aver una discreta esperienza nel settore (ed un paio di pezzi carta) mi informo, e spero di riuscire ad informare anche i lettori del blog.
L'infezione che ha colpito una decina di bambini (9 secondo alcune fonti) in Italia in 2 anni è causata dall'Escherichia coli O157, un ceppo patogeno del comunissimo batterio che abita gli intestini degli animali a sangue caldo. Non è certo, almeno non per tutti casi, che i bambini siano stati infettati da E. coli proveniente dal latte crudo, e stiamo parlando di un numero molto basso. Questo non vuol dire che vale la pena rischiare ma non vale nemmeno la pena ascoltare quello che dal ministro all'ultimo dei giornalisti stanno dicendo a gran voce: bollire il latte. Ma fate furb, fate còsi ti.
Il ministro rievoca i consigli della nonna... che risalgono a prima della guerra, inevitabilmente, quando il latte veniva munto a mano, in secchi che venivano lavati con n po' d'acqua fresca, le stalle erano un po' diverse da quelle attuali, non esistevano analisi sul prodotto, non c'erano i frigoriferi, molti animali erano affetti da tubercolosi e da brucellosi (responsabile delle febbri maltesi, roba seria): forse bollire il latte era il minimo che si potesse fare. Chissà se il buon Zaia ascolta anche la nonna quando dice che maunèt fa grasèt, l'eva endebliss...
A parte le battute, non ritengo necessario che una persona adulta, in buon stato di salute rinunci a tutti benefici del latte crudo per lo spauracchio, nel peggiore dei casi, di una dissenteria, e soprattutto voglio dire che non è il caso di bollire il latte nemmeno per i bambini o le persone debilitate, che dalla E. coli O157 potrebbero avere conseguenza peggiori: 70 75 C per pochi minuti sono più che sufficienti per avere un prodotto sicuro dal punto vista microbiologico, anzi basterebbe anche meno.
Spero che i piaschesi continuino a preferire la qualità e non si facciano terrorizare dai media, poi se uno vuole può scegliere di bere cosa vuole, per carità, l'importante è che pensi sempre a cosa consuma.

Ecco un sintesi della filiera del latte pastorizzato, ipotizzando una provenienza locale del latte:
- Mungitura
- Refrigerazione
- Trasporto in autocarro coibentato (miscelazione con altre partite di altri allevamenti)
- Stoccaggio in centrale (miscelazione con altre partite di altri giri di raccolta)
- Degassatura
- Pastorizzazione
- Raffreddamento
- Confezionamento in plastica o tetrapak
- Stoccaggio (refrigerato)
- Trasporto (refrigerato)
- Eventuali stoccaggi in piattaforme logistiche, viaggi su altri camion
- Stoccaggio presso il punto vendita
- Banco frigo di vendita

e la filiera del latte del distributore automatico:
- Mungitura
- Refrigerazione
- Trasporto al distributore (pochi minuti di viaggio)
- Latte in vendita nel distributore (refrigerato)

Quale filiera risulta più controllabile?
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa

Technorati tag  animali; bollire; crudo; distributore; latte; mungitura; prodotto; trasporto; vendita;

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli....

IL PROGRESSO DELL' ACQUA (9%)
 
# 1
Volevamo sostenere a piena voce che il latte crudo è vita!!!!!!
Prodotto dalle nostre bovine, mantenute sane e alimentate correttamente per tutto il periodo dellanno, controllate quotidianamente dai nostri allevatori e dal Servizio Sanitario, viene munto con metodi meccanici automatici, previa pulizia e lavaggio dei capezzoli, nelle migliori condizioni igieniche e avviato immediatamente alla cisterna di raccolta e in pochi istanti raggiunge la temperatura di 2-4 gradi e così viene mantenuto fino a voi. E raffreddato immediatamente per farvi gustare la pienezza dei sapori di vitalità insita in questo alimento, trattato con tanta delicatezza.
Il riscaldamento infatti (pastorizzazione a 72 o ebollizione a 100) trasforma radicalmente la composizione di questo alimento completo in sé, vivo, che diventa morto per i cambiamenti che il calore apporta.
Le ghiandole mammarie secernono assieme ai componenti del latte (proteine, grassi, zuccheri) anche gli enzimi per digerirli, non essendo pronto lapparato digestivo del neonato. Tali enzimi, che hanno funzioni complesse, degradano già alla temperatura di 45/50. Il latte crudo di mungitura perciò è particolarmente digeribile; e possiede una elevata attività enzimatica già a livello boccale per lazione antibatterica di alcuni enzimi ( in particolare il lisozima, scoperto da Fleming già prima della penicillina), indicati per la cura e la prevenzione della carie dentale, nonché dellalitosi boccale.
Alle temperature via via crescenti a cui normalmente il latte viene sottoposto, le vitamine, tanto importanti a tutte le età, tendono a scomparire; i Sali di calcio e fosforo, tanto importanti per la struttura scheletrica del neonato in rapido accrescimento, già a 60 tendono a precipitare e quindi non possono essere assorbiti e utilizzati. Vana è la raccomandazione di consumare latte per la prevenzione dellosteoporosi, se il latte stesso viene riscaldato, proprio per la impossibilità di assorbimento del calcio già precipitato, non più allo stato solubile.
Con lelevarsi della temperatura del latte i batteri acidofili, già presenti allinterno della mammella stessa al momento della mungitura, responsabili della naturale acidificazione del latte, spariscono per lasciare posto magari ai batteri ben più pericolosi, resistenti al calore (termofili), responsabili della putrefazione quando il latte riscaldato diventa scaduto.
segue...
Di  Dulce e Walter fatti di latte(macchiato per Dulce)  (inviato il 12/12/2008 @ 20:45:34)
# 2
Con il riscaldamento le proteine (caseine) colliquano e diventano particolarmente indigeste (molte colle di uso comune sono derivate da caseine). Le particelle di grasso stesso si modificano e il colesterolo, già importante componente nei processi di crescita ormonale, si trasforma per ossidazione e riscaldamento in prodotti non salutari.
Nel latte crudo di mungitura tutte le sostanze nutritive originali rimangono intatte e tali mantengono per 4 giorni dalla mungitura, se conservato a temperature di 2/4. Solo successivamente possono aumentare in modo significativo i batteri acidofili, responsabili della trasformazione in latte acido, tanto usato nei paesi nord orientali, proprio come bevanda da consumare assieme al pasto (per chi lo volesse usare, si raccomanda di aggiungere un barattolo di yogurt, al fine di evitare fermentazioni acide improprie).
Si raccomanda di porre questo latte fresco crudo di mungitura immediatamente in frigorifero e, una volta aperta la bottiglia, di consumarlo tutto in breve tempo e di evitare la contaminazione con altri alimenti conservati nel vostro frigo, in particolare con le verdure.
Quanto latte si può bere?
Alcune tribù Masai del Kenia consumano normalmente da 3 a 6 litri di latte di zebù ogni giorno per persona. Considerando che il latte di zebù è più concentrato del latte di bovina e conside-rando pure che il tasso di colesterolo non aumenta affatto con il latte crudo consumato da tali popolazioni, ben si comprende che non ci sono limiti; ognuno si regolerà secondo le proprie esigenze. E allora CIN CIN dunque con LATTE FRESCO CRUDO DI MUNGITURA e la nostra vita avrà più sapore!
Di  Dulce e Walter fatti di latte(macchiato per Dulce)  (inviato il 12/12/2008 @ 20:46:26)
# 3
mannaggia, non me ne ero accorto ma ancora un volta ho battutto Grillo sul tempo!
Però il blogger barbuto ha tanti lettori, ed alcuni più precisi di me in materia di economia e microbiologia. Vi consiglio questo breve testo: http://www.beppegrillo.it/immagini/immagini/Latte_crudo_Cava lli.pdf
Di  MilKagio  (inviato il 16/12/2008 @ 10:48:57)
# 4
Good article! I visited many sites, only the clear expression in addition to the author's experience. Read your article, I learned a lot of knowledge. I solved many puzzling riddle.
Di  Christian Louboutin Outlet  (inviato il 25/04/2012 @ 14:03:42)
# 5
Thanks for your sharing! if you have issues with other answer being some enough, I'd definitely recommend them, because it was my biggest complaint.
Di  Polo Outlet Online  (inviato il 25/04/2012 @ 14:09:01)
# 6
Nice blog! I think there should be more webpage display items and information, this blog is important
Di  Burberry Sale  (inviato il 07/12/2012 @ 02:17:28)
Ci sono 165 persone collegate

< luglio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave
 




Titolo
Agricoltura (3)
Ambiente (33)
Associazioni (16)
Carnevale (18)
Cultura (12)
Eventi (119)
generale (60)
Informatica (1)
Natale (2)
NO alla centrale (13)
Notizie (37)
Politica (53)
Raccolta differenziata (6)
Solidariet (12)
Urbanistica (2)
Viabilit (3)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
Io un commento voglio f...
07/02/2013 @ 13:47:53
Di Franca Torta
Ho pubblicato, volentie...
05/02/2013 @ 22:33:20
Di beppe olivero
Buon giorno; visto che ...
05/02/2013 @ 00:46:32
Di Jack
...a proposito di "appa...
28/01/2013 @ 16:32:21
Di Giordana Pierbartolo (PIERH2O)
Buongiorno Fred, purtro...
28/01/2013 @ 16:06:13
Di Giordana Pierbartolo (PIERH2O)


Titolo
Autori (4)
carnevale07 (6)
carnevale08 (7)
eventi (4)
gite (2)
natale (1)
sagradautunno (6)
solidariet (1)
splash (5)

Le fotografie pi cliccate

Visita la nostra città virtuale!


Titolo
è partita la raccolta differenziata "porta a porta". Riusciremo a superare il 90% di differenziata?

 sì, entro 6 mesi
 sì, ma ci vorranno tra 6 e 18 mesì
 sì, però ci andrà più di un anno e mezzo
 No, è impossibile

Titolo
Sei di Piasco o quasi?
Hai un tuo blog e vuoi che i tuoi amici e concittadini lo vedano?
Chiedi a Cagio e Dottore e pubblicheranno il link al tuo blog qua sotto!


Titolo


20/07/2019 @ 03:34:03
script eseguito in 2155 ms


 

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati. powered by dBlog CMS ® Open Source