Piasco.net - Il Blog! ...by Cagio
Piasco.net Home Meteo Arte e Cultura Storia Pro Loco
\\ Home Page : Articolo
mar13sab
I furbetti del voto utile
Di beppe.olivero (del 13/03/2010 @ 16:57:03, in Politica, linkato 1728 volte)


Ora che li abbiamo incontrati e sappiamo chi sono quelli del Movimento a 5 Stelle la prima impressione,almeno per i candidati della lista provinciale, è che
ci troviamo di fronte a persone normali che in politica possono sembrare “dilettanti allo sbaraglio”, tanto sono lontani dallo stereotipo dell'uomo politico italiano stile “So tutto Io” degli ultimi decenni.
 
La percezione, all'inizio, disorienta un po' tanto siamo abituati alla (finta) democrazia delegativa che in Italia ci ha portato alla situazione di oggi. I “professionisti” della politica è vero, in campagna elettorale, sanno fare ben di più. Tutti slogan e certezze rassicurano le “pecorelle smarrite” con i loro programmi fatti sempre di più: più lavoro, più salute, più educazione, ecc.ecc. In campagna elettorale, sembra quasi una parola d'ordine tra i politici di mestiere, guai ad essere pessimisti oppure semplicemente realisti.
Peccato che, appena superato lo scoglio dell'urna, tutti o quasi tutti si dimenticano delle promesse fatte. I contatti con gli elettori diventano sporadici o superflui.
La “delega” a governare li fa chiudere nei palazzi, sordi alle istanze della gente specie quando queste si vanno a scontrare con gli interessi delle “famiglie potenti” che si sono impossessate di tutti (o quasi) i partiti.

L'alternativa di Davide Bono e di Piemonte 5 stelle richiede innanzitutto uno sforzo culturale. Occorre passare da un modello di democrazia delegativa ad uno di democrazia partecipativa dove ognuno, nella propria sfera di competenze ed interessi, si occupa o meglio si preoccupa di migliorare il mondo intorno a se.

Non esistono alternative se vogliamo costruire un futuro migliore.
Il modello lo abbiamo già sperimentato a Piasco, negli ultimi anni, in campo ambientale o in quello sportivo-ricreativo. Associazioni e gruppi di cittadini, collaborando con l'assessore o l'amministratore di riferimento, hanno fatto fare dei passi avanti alla nostra comunità.
La filosofia politica alla base del Movimento a 5 stelle ora la conosciamo. In due parole l'ha riassunta Fabrizio Ghirardi di Alba quando ha fatto cenno all'ideologia della Decrescita Felice di Maurizio Pallante.

Il sito dedicato la riassume così: La decrescita è la consapevolezza che non c’è progresso senza conservazione; indifferenza alle mode e all’effimero; attingere al sapere della tradizione; non identificare il nuovo col meglio, il vecchio col sorpassato, il progresso con una sequenza di cesure, la conservazione con la chiusura mentale; non chiamare consumatori gli acquirenti, perché lo scopo dell’acquistare non è il consumo ma l’uso; distinguere la qualità dalla quantità; desiderare la gioia e non il divertimento; valorizzare la dimensione spirituale e affettiva; collaborare invece di competere; sostituire il fare finalizzato a fare sempre di più con un fare bene finalizzato alla contemplazione. La decrescita è la possibilità di realizzare un nuovo Rinascimento, che liberi le persone dal ruolo di strumenti della crescita economica e ri-collochi l’economia nel suo ruolo di gestione della casa comune a tutte le specie viventi in modo che tutti i suoi inquilini possano viverci al meglio. In quest'ottica, capite bene, che la contrapposizione politica con gli schieramenti dominanti (ma anche, purtroppo, con la cultura) è fortissima.

Un esempio? Il problema energia.
La ricetta degli schieramenti politici dominanti è pressoché uguale. Puntare sulle biomasse (Bresso) oppure sul nucleare (Cota) per produrre più energia in modo alternativo alle fonti fossili. Gli effetti collaterali, naturalmente, sono minimizzati o nascosti in ossequio al grande business che si va a creare. Bono ed il Movimento di Beppe Grillo propongono invece il risparmio energetico, la riqualificazione energetica degli edifici, l'autoproduzione di energia con il sole, l'acqua , il vento sicuramente anche con le biomasse a patto che sia fatto in modo sensato e sostenibile.

Utopie? Forse, peccato che sia già un modello sperimentato con successo da anni in Germania ed Austria. Gli effetti collaterali: una ricaduta in termini di occupazione onesta e dignitosa incredibile in questi tempi di crisi ed un grosso passo avanti nella battaglia per un ambiente più pulito e sano in cui vivere Mi fermo qui augurandomi che altri proseguano ed integrino il discorso sul nostro blog.

Concludo, invece, riportando una lettera pubblicata sul Corriere di Saluzzo che riassume in modo esemplare il dubbio riscontrato in tanti cittadini sull'opportunità di dare il proprio voto ad uno schieramento che, se va bene, arriverà a percentuali ad una cifra eleggendo pochi candidati, virus della democrazia partecipativa, nel Consiglio Regionale.

I furbetti del "voto utile" La correttezza dell’informazione non è propriamente uno dei punti di forza della democrazia italiana. Ma sotto le elezioni, da qualche tempo a questa parte, tutti diventano dei signori, nella premura di garantire a TUTTI i candidati lo stesso spazio a disposizione. A TUTTI?
Beh, no, forse non proprio a tutti... diciamo ai rappresentanti dei due più grandi partiti, dei due osannati Monoliti della politica italiana, e alle rispettive coalizioni.
La cosiddetta “par condicio” è dovuta a loro, che, grazie agli enormi poteri economici che rappresentano e li sponsorizzano (notoriamente legati anche giornali e televisioni), monopolizzano il mercato e detengono il primato delle preferenze. Poi, ci sono anche altre liste, certo, ma... lasciate perdere, ci dicono neanche troppo tra le righe i mezzi d’informazione: votate i Monoliti, tanto vincerà uno di loro.
E i Monoliti godono. Da anni, da decenni (anche se sono nati dopo, hanno ereditato solide ceneri dai loro predecessori) fondano il loro consenso proprio sul “voto utile”, sulla finta democraticità delle campagne elettorali, dove di fatto può vincere solo chi detiene già un’ampia fetta di potere, perché degli altri non si parlerà praticamente nulla.
E i due Colossi, pur cantandosele sonoramente in campagna elettorale per mettere in mostra le differenze, diventano di fatto sempre più simili, in modo che sia sempre garantita una continuità al sistema italiano, con tutti i suoi annessi e connessi che tutti ormai dovremmo conoscere. Insomma, alle elezioni, di fatto, “possiamo cambiar tutto, a patto che si lasci tutto come era”. A meno che... a meno che i cittadini Italiani non comincino, uno dopo l’altro, a guardarsi intorno, valutando TUTTI i programmi, visionando TUTTI i candidati, e non solo quelli che si riferiscono ai Monoliti.
E inizino, sempre in maggior numero, ad assumersi la fatica e la responsabilità di informarsi personalmente, e non solo tramite i Grandi Giornali e le Grandi Televisioni. Perché quella del “voto utile” è una grandissima stupidaggine, che può esistere solo in grazia di un sistema d’informazione malato e dell’assuefazione degli elettori. Che devono rivendicare, proprio attraverso il voto, la loro vera libertà, che è quella non di scegliere quello che si ritiene “il male minore”, ma la lista che veramente, fra tutte, li rappresenta meglio. Una libertà che, se si vogliono veramente cambiare le cose, deve avere il coraggio di rischiare.
Giorgio Perino
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
PER CHI FOSSE INTERESSATO INOLTRO LE RISPOSTE CHE HO RICEVUTO DAL MOVIMENTO 5 STELLE IN MERITO AD ALCUNE DOMANDE CHE HO POSTO LORO

Ufficio Stampa MOVIMENTO 5 STELLE PIEMONTE
apaolocarpani@gmail.com

data22 marzo 2010 12.45
oggettoRe: ALCUNE DOMANDE SUL VOSTRO IMPEGNO IN REGIONE



ciao,
ecco alcune nostre risposte.
Le questioni che poni meriterebbero però di essere approfondite con molta più calma perchè molto importanti.

ciao e grazie

Fabio Martina - Ufficio Stampa




Il giorno 18 marzo 2010 16.40, Paolo Carpani ha scritto:



Mi presento, sono Paolo Carpani, ho 30 anni ed abito a Piasco (CN). Venerdì 12 marzo ho partecipato alla serata presso la sala polivalente del mio paese, in cui avete presentato la vostra lista per le prossime elezioni regionali.
Vorrei farvi alcune domande in merito al Vostro impegno in ambito regionale:



1. Visto che sono un pendolare e viaggio tutti i giorni in treno da Savigliano a Torino, quali sono le vostre proposte per migliorare la situazione dei treni regionali che è davvero un disastro?

La nostra idea di incentivazione e miglioramento del trasporto pubblico e' quella di efficienti linee ad alta frequenza (stile metropolitana) tra i capoluoghi piemontesi e i principali centri tra di essi. Il tutto integrato con un altrettanto efficace e ad alta frequenza rete di trasporti pubblici locali. Gli spostamenti in regione devono diventare semplici ed economici per favorire il lavoro. Il tutto con un'attenzione alle tecnologie a basse o nulle emissioni per il trasporto pubblico.


2. Quali i vostri progetti in termini di infrastrutture regionali?

Siamo per l'incentivazione della filiera corta e dei prodotti a Km.0 affinchè a viaggiare non siano le merci. Ciò favorirebbe sia la qualità dei prodotti che il lavoro locale, i piccoli produttori e artigiani.


3. Quali politiche a sostegno della famiglia e degli anziani con pensioni minime intendete adottare?

Tra le nostre priorità c'è quella di implementare l'assistenza domiciliare di tipo infermieristico e medico (es. l'ADI), e aiutare maggiormente le famiglie con anziani o pazienti cronici, con sgravi fiscali.
Per dare immediata risposta ad alcune difficoltà delle famiglie proponiamo ad esempio di valorizzare la domiciliarità che si è rivelata preziosa come soluzione dei bisogni sociali (come l'assistenza agli anziani) ed educativi (nidi in famiglia) sia a livello di costi che di soluzioni, con l'impegno di provare a risolvere il problema del vuoto normativo per il contratto di lavoro di questo settore che la legge Biagi non prevede.


4. Qual è il vostro orientamento in merito alle unioni omosessuali, allaborto e alleutanas
Di  Polin  (inviato il 22/03/2010 @ 13:11:34)
# 2
4. Qual è il vostro orientamento in merito alle unioni omosessuali, allaborto e alleutanasia?

Siamo per il rispetto della singola persona, categorizzare in gruppi è molto pericoloso, è questo che crea razzismo, omofobia e sofferenza. Lo Stato deve garantire a tutti la possibilità di realizzare pienamente la propria personalità e il proprio stile di vita fin tanto che ciò non danneggia gli altri, senza privilegiare un sistema di valori rispetto ad un altro. E' necessario regolamentare in qualche modo le unioni di fatto, anche omosessuali.
Sarebbe bello che ci fosse tolleranza e la scuola, se sostenuta con adeguata formazione e progetti, potrebbe fare tantissimo in questo senso, basti pensare alla peer education per combattere il bullismo, che comunque è un fenomeno sociale di accanimento del più forte contro il diverso.
Le scelte che portano una persona a scegliere l'aborto o l'eutanasia sono talmente individuali e personali che credo nessuno di noi abbia il diritto di poter decidere. La legge sull'aborto è ancora oggi validissima perchè prevede di portare la persona dopo un percorso di accompagnamento a prendere la scelta giusta elaborando la situazione in maniera molto profonda e consapevole, non sicuramente alla leggera come superficialmente si può pensare.
Per l'eutanasia potrebbe valere lo stesso principio.


5. Quali strategie proponete per arginare la disoccupazione?

E' necessario oltre che economicamente conveniente investire da subito nelle energie rinnovabili, nel risparmio energetico e nella corretta gestione dei rifiuti. Azioni simili in Germania hanno prodotto negli ultimi anni 750.000 posti di lavoro, agendo oltretutto da volano per leconomia, la ricerca, lo sviluppo tecnologico.
La nostra economia è in crisi anche per via del fatto che le posizioni di responsabilità, sia pubbliche che private, vengono spesso assegnate per raccomandazione invece che per merito: il sistema politico, con corruzione e sprechi, impone costi aggiuntivi pesanti su tutti. Eliminando queste due storture è possibile perlomeno ottenere migliori prodotti e servizi e più posti di lavoro dalle aziende e dalle strutture pubbliche che già esistono, senza spendere di più.


6. Leggendo il Vostro programma, ho visto che intendete abolire il valore legale dei titoli di studio. Potete spiegarmi meglio che cosa intendete?

Oggi tutte le lauree hanno lo stesso peso sia che tu ti sia laureato alla Bocconi di Milano o all'ultima università sotto casa mia. Ma poi ai concorsi, grazie al (a causa del) valore legale dei titoli di studio ti capiterà di essere sorpassato da chi ha preso 110 in una università meno prestigiosa mentre tu che hai sgobbato per un 108 alla Bocconi meriteresti sicuramente di vincere. Togliendo il valore legale gli stude
Di  Polin  (inviato il 22/03/2010 @ 13:13:43)
# 3
Togliendo il valore legale gli studenti cominceranno a pretendere che le università dove studiano siano organizzate bene, abbiano professori validi, laboratori, aule moderne, ecc. affinchè la Laurea che prenderanno sia davvero riconosciuta per meriti acquisiti sul campo. Questo metterà in competizione le università che faranno di tutto per migliorare lofferta formativa.
Di  Polin  (inviato il 22/03/2010 @ 20:01:03)
Ci sono 374 persone collegate

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             

Cerca per parola chiave
 




Titolo
Agricoltura (3)
Ambiente (33)
Associazioni (16)
Carnevale (18)
Cultura (12)
Eventi (119)
generale (60)
Informatica (1)
Natale (2)
NO alla centrale (13)
Notizie (37)
Politica (53)
Raccolta differenziata (6)
Solidariet (12)
Urbanistica (2)
Viabilit (3)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
Io un commento voglio f...
07/02/2013 @ 13:47:53
Di Franca Torta
Ho pubblicato, volentie...
05/02/2013 @ 22:33:20
Di beppe olivero
Buon giorno; visto che ...
05/02/2013 @ 00:46:32
Di Jack
...a proposito di "appa...
28/01/2013 @ 16:32:21
Di Giordana Pierbartolo (PIERH2O)
Buongiorno Fred, purtro...
28/01/2013 @ 16:06:13
Di Giordana Pierbartolo (PIERH2O)


Titolo
Autori (4)
carnevale07 (6)
carnevale08 (7)
eventi (4)
gite (2)
natale (1)
sagradautunno (6)
solidariet (1)
splash (5)

Le fotografie pi cliccate

Visita la nostra città virtuale!


Titolo
è partita la raccolta differenziata "porta a porta". Riusciremo a superare il 90% di differenziata?

 sì, entro 6 mesi
 sì, ma ci vorranno tra 6 e 18 mesì
 sì, però ci andrà più di un anno e mezzo
 No, è impossibile

Titolo
Sei di Piasco o quasi?
Hai un tuo blog e vuoi che i tuoi amici e concittadini lo vedano?
Chiedi a Cagio e Dottore e pubblicheranno il link al tuo blog qua sotto!


Titolo


24/02/2020 @ 08:35:31
script eseguito in 1455 ms


 

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati. powered by dBlog CMS ® Open Source