Piasco.net - Il Blog! ...by Cagio
Piasco.net Home Meteo Arte e Cultura Storia Pro Loco
\\ Home Page : Articolo
nov22lun
LA CASETTA DELL'ACQUA A PIASCO
Di beppe.olivero (del 22/11/2010 @ 10:08:38, in Eventi, linkato 2603 volte)




La svolta epocale in materia smaltimento rifiuti che stiamo vivendo in questi giorni a Piasco con il passaggio alla raccolta porta a porta ( scelta di cui sono veramente grato allamministrazione ed al nostro mitico assessore Luca Pittavino), la prima reazione che sta suscitando in tutti i cittadini di buona volontà è una maggior consapevolezza della rumenta che ogni giorno produciamo. Differenziare e riciclare in modo virtuoso, indubbiamente, è già un grosso passo avanti, perché non scarica vigliaccamente in casa daltri il pericolo di una discarica o di un inceneritore. La questione di fondo però, secondo me, rimane unaltra: se vogliamo un futuro veramente più sostenibile e vivibile dobbiamo, innanzitutto, produrre meno rifiuti e consumare di meno. Come fare però? Ormai le logiche di mercato ed il sistema economico impongono determinate scelte e stili di vita. Mettendo in campo un po di buon senso e tanta buona volontà, però, possiamo pian piano cambiare la realtà che ci circonda, magari guardando alle esperienze positive che nascono da altre parti. Una di queste è stata attuata recentemente dal Comune di Beinette e sta ottenendo, pare, un successo clamoroso.

Si tratta della Casetta dellAcqua, una fontana pubblica che eroga acqua dellacquedotto comunale depurata con un sistema evoluto di filtri e rilasciata in tre modi: naturale a temperatura ambiente, naturale refrigerata e refrigerata gassata, addizionata cioè di CO2.

Guardate qui cosa ci ha scritto in proposito lassessore ai Lavori Pubblici di Beinette Valerio Garelli.

Il Vas sezione di Piasco, in questi giorni, ha presentato ufficialmente allamministrazione comunale la richiesta di valutare lopportunità di installare un impianto simile a Piasco.

Oltre ad una riduzione drastica nella produzione di rifiuti la casetta dellAcqua costituirebbe pure un risparmio nella spesa mensile di ogni famiglia (anche nel caso lamministrazione comunale decidesse di erogarla a prezzi sostenibili pari a qualche centesimo di euro a litro), elemento da non trascurare in tempi di vacche sempre più magre per tutti (o quasi).

Lacqua del Sindaco che, tra laltro, da la possibilità di realizzare in casa in modo economico bibite naturali, ottimi surrogati di coca-cola, aranciata, limonata ecc.ecc, unita al distributore di latte crudo, i detersivi alla spina che già sono realtà nel nostro paese mi sembrano dei notevoli passi avanti verso un mondo più sostenibile. Cosa ne pensate??

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
Ho telefonato al consorzio CSEA per avere informazioni sulla quantità di bottiglie che sono raccolte a Piasco e mi hanno detto che l'incidenza di quelli che chiamano CPL ovvero Contenitori Per Liquidi è dal 45 al 50%.
Perciò se dalle quasi 60000 tonnellate all'anno (dati 2009 http://www.consorziosea.it/2009.pdf)di rifiuti plastica raccolti ci impegnassimo a utilizzare detersivi alla spina e casetta dell'acqua ci sarebbero 270000/30000 tonnellate all'anno in meno di plastica da smaltire.
Oltre al portafoglio anche l'ambiente rigrazierebbe.
Di  walter vassallo  (inviato il 22/11/2010 @ 11:30:13)
# 2
Beppe lo sa come la penso in merito..è sicuramente una gran bella proposta ovviamente c'è sempre solo un problema..so che a Beinette l'hanno fatta e come costo iniziale per la struttura e l'avvio del servizio hanno speso 25mila euro..non son proprio briciole..cmq vedremo se un'altr'anno è possibile farlo..sicuramente l'idea è ottima pertanto si farà di tutto per trovare risorse utili a finanziare tale scopo..
Di  Luca Pittavino  (inviato il 23/11/2010 @ 19:10:49)
# 3
Io non sono favorevole al distributore gratis. Per più ragioni: innanzitutto i costi che il Comune dovrebbe sostenere, solo a favore di chi non beve già l'acqua del rubinetto o della fontana; poi siccome l'acqua ha un valore eviterei il gratis per contrastarne lo spreco. Inoltre per assurdo il comune quasi ne avrebbe un doppio svantaggio economico, e su questo bisogna riflettere e fare delle proposte serie, in quanto andrebbe a ridursi la frazione di plastica della raccolta rifiuti che: 1 mi pare venga pagata, 2 contribuisce a tenere alta la percentuale di differenziata. So bene che è assurdo ma se vogliamo che l'ecologia diventi un must dobbiamo continuare a dimostrare che è conveniente nel breve periodo, finché non sarà più radicata nella testa della gente.
Al prezzo di 5 cent al litro, il distributore, per essere accettabile, dovrebbe vendere 600 litri di acqua al giorno, non è impossibile ma non è poca.
Magari a questi dubbi c'è già chi ha risposto però ritengo vadano chiariti, altrimenti si rischia che una cosa buona e giusta non venga compresa :(
Di  -Cagio-  (inviato il 24/11/2010 @ 09:55:18)
# 4
Trovo interessante l'iniziativa del comune di Beinette, ma visto che durante il poco tempo libero se possibile preferisco fare altro che partire con le bottiglie alla ricerca dell'acqua più buona di quella del rubinetto, dalla metà di agosto ho montato un piccolo rubinetto a fianco del miscelatore del lavello della cucina collegato a un filtro che purifica l'acqua potabile da cloro, odori, sapori sgradevoli.La durata della cartuccia filtro è di 6 mesi oppure 6000 lt di acqua filtrata. Costo dell'operazione circa 160 euro, la confezione da tre filtri di ricambio costa 115 euro e dura quindi un anno e mezzo, oppure 18000 litri di acqua. La nostra famiglia usa quest'acqua per tutto ciò che è alimentare, bollitura pasta, the ecc. Con l'aggiunta di un gasatore a cartuccia del costo di circa 80 euro abbiamo anche l'acqua gasata.
Il costo di ogni litro di acqua filtrata è di circa 6 millesimi di euro al litro e la puoi usare per fare tutto ciò che è alimentare. tutto questo risparmiando corse e sopratutto 8000 bottiglie di plastica. Quindi ben venga il distributore comunale , ma volendo con un piccolo investimento iniziale si può avere tutto questo direttamente sul lavello della cucina.
Di  Ivo Margaria  (inviato il 24/11/2010 @ 21:31:34)
# 5
Oggi ero in Valle Pesio con i ragazzi dello sci club ed al ritorno siamo passati da Beinette per prelevare un pò di acqua da questa casetta.
C'era la coda che, però, si è smaltita velocemente in quanto ogni persona non può prelevare più di 6 litri per volta.
Durante l'attesa ho "intervistato" la gente che prendeva l'acqua. Sono tutti entusiasti dell'iniziativa e mi hanno assicurato che a tutte le ore del giorno c'è qualcuno che tira acqua. Il prelievo medio giornaliero si aggira sui 1500 litri, un'enormità se si pensa che Beinette è grande come Piasco.
Il Comune, per il momento, non fa pagare nulla e sta pensando di ammortizzare i costi installando dei pannelli pubblicitari nell'area della Fontana che, in effetti, è diventato il posto più frequentato del paese.
Io, di principio, sono d'accordo con Cagio che propone di far pagare qualcosa all'utente. Con questi numeri, capite, che pochissimi centesimi a litro costituiscono già un buon introito nelle casse comunali, senza gravare sulle famiglie come un impianto domestico. Non sarebbe male nemmeno prevedere un costo minore per i cittadini piaschesi rispetto ai forestieri.....
Di  beppe olivero  (inviato il 24/11/2010 @ 22:36:41)
# 6
penso anch'io sia un'ottima idea e sono d'accordo sul pagare l'acqua che è un bene di tutti e quindi prezioso e da preservare ciao
Di  Cristina R-  (inviato il 29/11/2010 @ 22:06:49)
# 7
Acqua, niente miracoli "Le caraffe col filtro sono inutili o dannose"
Inchiesta a Torino: troppo sodio e potassio
L'esposto degli industriali delle minerali ha fatto partire gli accertamenti
SARAH MARTINENGHI
TORINO - Promettono di eliminare sostanze nocive, come calcare, metalli e cloro, e di migliorare la qualità dell'acqua di rubinetto. In poco tempo le caraffe filtranti sono diventate, anche in Italia, le principali concorrenti delle acque minerali. Ma un esposto in procura, firmato non a caso da Ettore Fortuna, presidente di Mineracqua (la federazione delle industrie delle acque minerali) e inviato un paio di mesi fa al procuratore Raffaele Guariniello, sosteneva il contrario: l'acqua di tre caraffe (Brita, Auchan e Viviverde), dopo il passaggio nei filtri a carboni attivi, diventerebbe "non più potabile", "depauperata di elementi nutritivi", contaminata con la "presenza di corpi estranei". Per questo la procura di Torino aveva aperto un'inchiesta, ipotizzando i reati di commercio di sostanze alimentari nocive per la salute e frode, e affidato l'incarico di analizzare l'acqua filtrata a Ivo Pavan, docente dell'Università di Torino. I risultati sono arrivati: la conclusione, secondo il consulente, è che le caraffe filtranti non migliorano l'acqua del rubinetto, già "perfetta" così com'è. Anzi, per certi versi la peggiorano, e possono diventare rischiose se quell'acqua viene bevuta da persone affette da patologie come diabete, ipertensione o cardiopatie. Nel migliore dei casi sono comunque "inutili". Guariniello ha subito scritto al Ministero della Salute e all'Istituto Superiore di Sanità per segnalare le criticità riscontrate.
"Il primo problema riguarda la durezza dell'acqua, ovvero la quantità di calcio e magnesio: dopo il trattamento i valori si abbassano notevolmente. Dopo 120 ore di utilizzo del filtro addirittura si azzerano" spiegano in procura. Vero è che nelle avvertenze delle caraffe è scritto che non devono essere usate con acque che hanno durezza inferiore ai 19 gradi francesi, altrimenti si perdono i sali minerali. Dalle analisi risulta che al posto di calcio e magnesio, vengono introdotti nell'acqua sodio e potassio con valori superiori ai limiti, (diventando così pericolosa per chi ha patologie). Compaiono elementi di cui prima non c'era traccia, come l'ammonio, o l'argento, che serve per abbassare la carica batterica. L'acqua risulta poi inacidita: "il ph iniziale (per legge compreso tra valori di 6,5 e 9,5) era 7,65 - spiegano in procura - dopo il passaggio in una caraffa risulta 6, e 5,92 al termine del filtro". Insomma per la procura "quest'acqua, se fosse pubblica, sarebbe dichiarata "non potabile"". Risulta anche, secondo il consulente "un buon abbattimento della carica batterica", che tende però a risalire con l'uso.
L'azienda tedesca Brita, che da 45 anni produce solo caraf
Di  Geo  (inviato il 11/05/2011 @ 22:37:57)
# 8
L'azienda tedesca Brita, che da 45 anni produce solo caraffe filtranti (ne ha vendute 300 milioni, di cui un milione e mezzo in Italia dal 2007), controbatte: "Abbiamo le certificazioni di due ministeri della salute (tedesco e austriaco). Non dichiariamo che l'acqua è pura, ma che è filtrata, perché trattiene alcune sostanze e ne rilascia altre consentite dalla legge sulle bevande. Sulle avvertenze scriviamo quale acqua usare, e di consultare il medico se si hanno problemi di salute".
[Fonte: http://www.repubblica.it/dal-quotidiano/2011/05/11/news/acqu a_niente_miracoli_le_caraffe_col_filtro_sono_inutili_o_danno se-16068977/]
Di  Geo  (inviato il 11/05/2011 @ 22:39:39)
# 9
anche secondo me non è necessaria la spesa di una casetta per l'acqua. L'acqua del rubinetto di casa nostra è buona, la beviamo da sempre. Da 3 anni, abbiamo acquistato il gasatore, così evitiamo di acquistare le bottiglie di acqua gasata. Per i detersivi, sono stata la prima cliente di Giancarlo ad acquistare detersivo alla spina, va benissimo e utilizzo 2 soli flaconi in tutto l'anno (uno per la lavatrice, uno per i pavimenti). La raccolta differenziata va bene (anzi benissimo : - )) ma occorre diminuire gli imballaggi già in fase di acquisto.
Viva l'Italia, viva gli Italiani!
Di  Anna  (inviato il 31/05/2011 @ 22:12:32)
# 10
Cara Anna, approfitto del tuo scritto per ringraziare tutti i piaschesi che in questi trè anni si sono recati nel mio negozio per i detersivi alla spina, per quel che mi riguarda è stato dopo le iniziali difficoltà, è stata una grande esperienza.Ora, a fine giugno cesserò l'attività per raggiunto pensionamento, ma posso assicurare tutti che i detersivi continueranno ad assere venduti a Piasco da luglio presso la coop. Il Casolare.Mi auguro che molte più persone decidano di passare all'Eco detersivo. Ne vale la pena.

Un cordiale saluto a tutti.
Di  giancarlo  (inviato il 01/06/2011 @ 20:48:04)
Ci sono 377 persone collegate

< marzo 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave
 




Titolo
Agricoltura (3)
Ambiente (33)
Associazioni (16)
Carnevale (18)
Cultura (12)
Eventi (119)
generale (60)
Informatica (1)
Natale (2)
NO alla centrale (13)
Notizie (37)
Politica (53)
Raccolta differenziata (6)
Solidariet (12)
Urbanistica (2)
Viabilit (3)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
Io un commento voglio f...
07/02/2013 @ 13:47:53
Di Franca Torta
Ho pubblicato, volentie...
05/02/2013 @ 22:33:20
Di beppe olivero
Buon giorno; visto che ...
05/02/2013 @ 00:46:32
Di Jack
...a proposito di "appa...
28/01/2013 @ 16:32:21
Di Giordana Pierbartolo (PIERH2O)
Buongiorno Fred, purtro...
28/01/2013 @ 16:06:13
Di Giordana Pierbartolo (PIERH2O)


Titolo
Autori (4)
carnevale07 (6)
carnevale08 (7)
eventi (4)
gite (2)
natale (1)
sagradautunno (6)
solidariet (1)
splash (5)

Le fotografie pi cliccate

Visita la nostra città virtuale!


Titolo
è partita la raccolta differenziata "porta a porta". Riusciremo a superare il 90% di differenziata?

 sì, entro 6 mesi
 sì, ma ci vorranno tra 6 e 18 mesì
 sì, però ci andrà più di un anno e mezzo
 No, è impossibile

Titolo
Sei di Piasco o quasi?
Hai un tuo blog e vuoi che i tuoi amici e concittadini lo vedano?
Chiedi a Cagio e Dottore e pubblicheranno il link al tuo blog qua sotto!


Titolo


08/03/2021 @ 09:40:20
script eseguito in 1567 ms


 

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati. powered by dBlog CMS ® Open Source