Piasco.net - Il Blog! ...by Cagio
Piasco.net Home Meteo Arte e Cultura Storia Pro Loco
\\ Home Page : Articolo
apr22ven
Date da bere agli assetati (purch abbiano la carta di credito)
Di beppe.olivero (del 22/04/2011 @ 14:07:00, in Politica, linkato 1694 volte)
Nei giorni in cui il Governo Italiano, sempre più disorientato, sta cercando di stoppare i referendum del 12-13 giugno apportando modifiche, probabilmente temporanee, ai decreti legislativi su acqua e nucleare mi sembra giusto tornare a ribadire sul nostro nostro blog lo scenario che si andrebbe a realizzare in Italia con la privatizzazione dellacqua. Recentemente AltroConsumo ha pubblicato un articolo di Diego Parasole Riccardo Pifferi che descrive con efficace ironia cause ed effetti della corsa all'oro blu. Eccolo: Date da bere agli assetati (purché abbiano la carta di credito) primavera, stagione della rinascita, della vitalità. Marzo è pazzerello col suo carattere instabile, un po variabile, che un giorno decide che piove, un giorno che cè il sole: chissà per quanto tempo ancora sarà MARZO a deciderlo, e non qualche multinazionale che si è comprata anche le nuvole. già successo che una multinazionale si sia comprata tutta lacqua di un paese: quella dei laghi, dei fiumi anche lacqua piovana. Voi direte: Ma dove lhai letto? Su Topolino? E chi è che lha comprata? Paperon de Paperoni?. E invece sì, è successo qualche anno fa in Bolivia, a Cochabamba, dove anche i contadini più poveri dovevano pagare persino lacqua piovana. Poi, dopo una rivolta popolare, lacqua è tornata un bene comune, pubblico, ma ci sono continuamente tentativi di rendere privata una cosa così indispensabile. Lacqua è il business del futuro. Ormai è quotata in borsa e un investitore che ha fatto un buco nellacqua è uno che sta facendo un sacco di soldi. Sì, perché qualcuno, quellacqua, primo o poi, la comprerà. E al prezzo che decideranno loro. Con conseguenze non proprio piacevoli. Per esempio, in Gran Bretagna, quando Margaret Thatcher decise di affidare lacqua ai privati, due milioni di famiglie si trovarono a non avere i soldi per pagarsi le bollette. Poi dicono che gli inglesi si lavano poco e non hanno neanche il bidet! Per forza, con quel che costa lavarsi! E anche qui in Italia, nelle città dove lacqua è stata privatizzata, ci sono dei problemi. Come a Latina, dove sono arrivate anche bollette da due o tremila euro. Ci sono anziani che han visto la bolletta e han detto: Tremila euro di acqua? Mi suicido con gas che costa meno!. Se continua così come finiremo? Ciao! Dove vai? Vado in tintoria, a ritirare mio marito! Anche tu lo lavi a secco? Eh, sì: eran tre settimane che lo smacchiavo in casa, ma ormai era così conciato che lho portato in tintoria!. Oppure, per risparmiare acqua, in famiglia faremo la doccia solo quando si mangia la pasta: uno cucina, laltro si insapona. Poi il primo scola e laltro si sciacqua. Irrigare il giardino sarà fantascienza. Niente alberi, niente ombra: i giardini avranno solo piante grasse. E i sette nani in canottiera per il caldo. Quando qualcuno avrà un mancamento, per strada, sentiremo: Presto, un bicchiere dacqua! Ma sei matto?!Dagli due schiaffoni e speriamo bene!! La gente andrà a Lourdes ma più che altro per bere gratis. E ogni volta che ci riuscirà, dirà: Miracolo!. E anche andare in bagno sarà un problema: lo sciacquone rappresenta il 30-40% di acqua che consumiamo, 10-15 litri ogni volta. E quando lacqua costerà troppo Useremo la cassettina del gatto, col gatto che ci guarderà un po seccato perché useremo il suo water Ma non è niente rispetto a come ci guarderà quando cominceremo a lavarci come lui: slinguazzandoci le ascelle. Cosa possiamo fare per non arrivare a questo? Anche se nessuno ne parla e chi dovrebbe farlo continua a tenere ostinatamente lacqua in bocca dobbiamo assolutamente andare a votare SI, quando ci sarà il referendum contro la privatizzazione dellacqua. Poi, se anche questo sarà inutile Smetteremo di lavarci e organizzeremo un grande sciopero. Come quelli dei metalmeccanici degli anni Settanta. Con una differenza: loro scioperavano incrociando le braccia, noi, smetteremo di lavarci per due settimane, andremo in comune con le braccia alzate e faremo sentire la voce delle nostre ascelle. Combatteremo la privatizzazione con lunica arma biologica ed eco sostenibile allo stesso tempo. Ricordatevi: lacqua è come lamore, ti rendi conto di quantè importante quando non ce lhai più!!
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
Lo sbando del Governo centrale e dei suoi componenti (che hanno una fifa blu) di perdere il cadreghino, se non peggio, è ormai conclamata.
E' più che mai necessario resistere localmente per un nuovo risorgimento nazionale, l'Italia ancora esiste, anche se si fa di tutto per "affondarla"!
A questo però devono soprattutto credere gli amministratori locali che subiscono e sempre più subiranno gli effetti dissennati di una politica ormai inesistente.
L'acqua pubblica è libertà, la libertà nasce dalla resistenza ad ogni regime: politico od economico.
"Resistenza"non deve essere la ricorrenza di un giorno - 25 aprile - ma una goccia conquistata tutti giorni per non soccombere alla strapotenza, all'ignoranza e al degrado di ogni genere.
Di  Ω Alessio  (inviato il 22/04/2011 @ 15:11:42)
# 2
Cari/e,
come tutti/e saprete è notizia delle ultime ore la possibile scelta del governo di agire nei confronti del referendum per l'acqua come già ha fatto con il nucleare e di aggirare così la volontà popolare.
Che vuol dire? Che probabilmente si proverà a fare una "leggina" sull'acqua e il servizio idrico.
Ma quale differenza c'è con il nucleare? La differenza sta nel fatto che per l'acqua è molto più difficile venire incontro alle nostre richieste visto che chiediamo la fuoriuscita dell'acqua dal mercato.

Per questo la strategia sarà quella di creare una cortina fumogena, di confondere le acque e i cittadini e poter dire che non c'è più bisogno dei referendum. Ovvero non c'è più bisogno che gli italiani dicano la loro rispetto a questioni vitali. Si calpesta la richiesta di esprimersi in prima persona e partecipare al di là dell'urna. Si concretizza quello che andiamo dicendo da tempo: si scrive acqua, si legge democrazia.

E' necessario essere all'altezza dell'attacco che ci stanno portando e, per questo, dobbiamo chiamare alla mobilitazione tutto il popolo dell'acqua che, al di là di facili retoriche, possa affermare l'importanza della nostra battaglia ma, ancor di più, della difesa degli spazi di agibilità democratica e politica.
A questo punto, raccolti pareri tra telefonate e mail che ci sono arrivate ininterrotte già da ieri sera, facciamo una serie di proposte per l'attivazione e la comunicazione:

- nei prossimi giorni produrremo un appello da far firmare a cittadini, associazioni, sindacati ed enti locali, oltre che ad esponenti della cultura, del mondo accademico e della politica, in difesa dei beni comuni e dell'espressione democratica nel nostro paese;
- da Martedì 26 a Giovedì 28 attiviamo un azione di pressione tramite l'invio di mail a tutti i parlamentari dal titolo Non provate a toccare i referendum;
- convochiamo per Venerdì 29, di fronte alle prefetture di tutta Italia, manifestazioni comunicative e includenti per l'acqua bene comune, in difesa dello svolgimento dei referendum e la libertà dei cittadini di partecipare alla vita pubblica di questo paese.
- In ultimo, dopo il 1 Maggio, diamo vita ad azioni di visibilità con le bandiere dell'acqua presso i monumenti storici delle nostre città.


Su queste proposte attendiamo contributi e commenti entro 24 ore, in modo tale da poter rendere operative tutte le comunicazioni.


--
Segreteria Comitato Referendario 2 Sì per l'Acqua Bene Comune
Via di S. Ambrogio n.4 - 00186 Roma
Tel. 06/97615507 Fax 06 68136225
Lun.-Ven. 10:00-19:00;
e-mail: segreteria@acquabenecomune.org
Sito web: www.acquabenecomune.org
Di  walter  (inviato il 23/04/2011 @ 03:43:40)
# 3
NON TOCCATECI I REFERENDUM
Sono destituite di ogni fondamento le dichiarazioni, prima del ministro Romani e poi del sottosegretario Saglia, secondo i quali basterebbe una modifica del decreto Ronchi con l'introduzione di una authority nazionale di regolazione del settore idrico per bloccare i due referendum per l'Acqua Pubblica. La completezza e complessità dei due quesiti proposti dal Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua, rendono completamente impossibile cogliere la volontà espressa dai promotori e dai firmatari dei due referendum con un simile provvedimento legislativo. Ciò senza contare che i tempi per il doppio passaggio parlamentare e la successiva pronuncia del settore referendum della Corte di Cassazione non consentono assolutamente una pronuncia entro la data del voto. Quindi i referendum sull'Acqua, ma anche quello sul nucleare, ci saranno sicuramente nelle date stabilite del 12 e 13 giugno 2011.
Chiaramente i fautori del no o dell'astensione hanno voluto con questo iniziare la campagna elettorale approfittando della loro posizione dominante per convincere i cittadini della inutilità del voto referendario in quanto il governo si starebbe muovendo nel senso giusto. Con questo hanno finalmente dimostrato pubblicamente quanto temano la libera espressione del voto degli italiani.
Al contrario i Comitati Referendari per i due Sì all'Acqua Bene Comune sanno che i cittadini sono in grado di valutare e decidere e che parteciperanno al voto dando completa attuazione al nostro motto: SI SCRIVE ACQUA, SI LEGGE DEMOCRAZIA.
Il Comitato di Cuneo parteciperà alla fiaccolata della Liberazione del 24 aprile e sarà presente con un proprio banchetto informativo in piazza Virginio, durante il concerto della BandaBardò.
Di  oreste  (inviato il 23/04/2011 @ 15:41:27)
# 4
leggo dalla gazzetta di Saluzzo: Venerdì 20 alle ore 21 in Salita al castello, nell'antico palazzo comunale, salita castello, convegno su "Energia nucleare, opportunità o rischio inacettabile?". Interverranno:Carlo Roggero presidente di Ecotermica, Maurizio Pallante, Giovanni Tricerri, sindaco di Trino. .
Di  ausilia  (inviato il 19/05/2011 @ 20:43:12)
# 5
Tutto sarà trasmesso in direwtta su streaming sul sito www.tekla.tv dando la possibilità di interagire in diretta da tutta Italia.Penso che sia una serata da non perdere.
Di  ausilia  (inviato il 19/05/2011 @ 20:47:25)
Ci sono 437 persone collegate

< luglio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave
 




Titolo
Agricoltura (3)
Ambiente (33)
Associazioni (16)
Carnevale (18)
Cultura (12)
Eventi (119)
generale (60)
Informatica (1)
Natale (2)
NO alla centrale (13)
Notizie (37)
Politica (53)
Raccolta differenziata (6)
Solidariet (12)
Urbanistica (2)
Viabilit (3)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
Io un commento voglio f...
07/02/2013 @ 13:47:53
Di Franca Torta
Ho pubblicato, volentie...
05/02/2013 @ 22:33:20
Di beppe olivero
Buon giorno; visto che ...
05/02/2013 @ 00:46:32
Di Jack
...a proposito di "appa...
28/01/2013 @ 16:32:21
Di Giordana Pierbartolo (PIERH2O)
Buongiorno Fred, purtro...
28/01/2013 @ 16:06:13
Di Giordana Pierbartolo (PIERH2O)


Titolo
Autori (4)
carnevale07 (6)
carnevale08 (7)
eventi (4)
gite (2)
natale (1)
sagradautunno (6)
solidariet (1)
splash (5)

Le fotografie pi cliccate

Visita la nostra città virtuale!


Titolo
è partita la raccolta differenziata "porta a porta". Riusciremo a superare il 90% di differenziata?

 sì, entro 6 mesi
 sì, ma ci vorranno tra 6 e 18 mesì
 sì, però ci andrà più di un anno e mezzo
 No, è impossibile

Titolo
Sei di Piasco o quasi?
Hai un tuo blog e vuoi che i tuoi amici e concittadini lo vedano?
Chiedi a Cagio e Dottore e pubblicheranno il link al tuo blog qua sotto!


Titolo


20/07/2019 @ 15:44:57
script eseguito in 1725 ms


 

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati. powered by dBlog CMS ® Open Source